Al 1° Luglio 2017 è entrato in vigore il D.Lgs 141/2016 che integra la normativa precedente e fissa i termini di scadenza (31 dicembre 2017)  entro i quali i dispositivi di contabilizzazione del calore devono essere installati e indica chiaramente chi siano i soggetti obbligati o esenti dagli adempimenti prescritti.

Chi non si sarà adeguato entro i termini indicati sarà passibile di sanzioni amministrative da 500€ a 2.500€ per ciascuna unità immobiliare. Sono esentati unicamente coloro i quali abbiano ottenuto una relazione “esimente” ai sensi dell’art. 9 comma 5 lettera c) del D.Lgs 102/2014.

Come funzionano e come possono essere utilizzate le valvole per garantire un risparmio?

Le valvole termostatiche hanno la funzione di regolare la potenza del calorifero in base alle necessità di chi lo utilizza e in modo diverso a seconda degli ambienti. In un condominio con caldaia centralizzata i costi di riscaldamento erano suddivisi in precedenza in base alle tabelle millesimali, mentre con l’installazione delle valvole e dei contabilizzatori ciascun utente pagherà in relazione al reale consumo.

Le valvole hanno 6 valori compresi tra * e 5 e a ciascuno di questi valori corrisponde una precisa temperatura:

  • * corrisponde a 6°
  • 1 corrisponde a 10°
  • 2 corrisponde a 15°
  • 3 corrisponde a 20°
  • 4 corrisponde a 25
  • 5 corrisponde al massimo di temperatura erogabile dal calorifero

Per garantire una buona temperatura ed ottimizzare i consumi il consiglio è di posizionare la valvola sulla posizione nr. 3, il funzionamento della valvola farà si che il termosifone si spenga e riaccenda per mantenere la temperatura programmata.

Durante la stagione invernale per ambienti poco utilizzati o per prolungati periodi di assenza si consiglia di posizionare la valvola sulla posizione nr. 1 al fine di evitare umidità e muffa.

Durante la stagione estiva, ai fini manutentivi dell’impianto, si consiglia di posizionare tutte le valvole sulla posizione nr. 5.