Devi comprare casa? Scopri le 5 regole fondamentali per la corretta valutazione e la migliore scelta di un immobile.

1. Scelta di un partner (agente immobiliare) per l’acquisto. Se non siamo esperti di compravendite immobiliari probabilmente è più sicuro affidarci ad un professionista del settore. È fondamentale che il Professionista che ci seguirà sia iscritto all’Albo degli Agenti Immobiliari (in caso contrario non avrà diritto a percepire la provvigione come mediatore), che dimostri competenza e che sia in grado di rispondere a tutte le domande tecniche o pertinenti all’immobile di riferimento. Se il professionista è affidabile sarà in grado di supportarci, o addirittura di prevenire tutte le eventuali problematiche descritte nel punto 2.

2. Verifica delle situazioni catastali/ipotecarie/provenienza dell’immobile e degli atti condominiali. La planimetria catastale dovrà essere allineata con la reale situazione che si presenta nell’immobile, se così non fosse è a carico del venditore la regolarizzazione. Una situazione burocratica diversa da quella che si presenta “di fatto” potrebbe comportare difficoltà nella concessione di un mutuo ipotecario da parte di un Istituto di Credito. È altrettanto importante controllare la presenza di ipoteche sulla casa o la provenienza, ovvero come l’attuale proprietario ne sia entrato in possesso in quanto gli immobili posseduti a seguito di donazioni sono soggetti a vincoli particolari. Gli atti condominiali sono importanti poiché ci consentono di verificare che la proprietà non sia in debito nei confronti dell’Amministratore o se ci siano state spese straordinarie non ancora saldate o in previsione nel prossimo futuro. Un agente immobiliare competente sarà in grado di produrre tutta questa documentazione senza alcuna difficoltà in quanto già raccolta al momento dell’acquisizione, in caso contrario insistete per avere quanto indicato.

3. Certificazione Energetica dell’immobile. Ogni immobile, per Legge, deve avere una sua certificazione energetica e tale documento deve essere prodotto a carico del venditore. Una classe energetica alta (A/A+) ci indicherà che sono già state installate le termovalvole o, in caso di riscaldamento autonomo, se la caldaia sia o meno di ultima generazione. Contribuisce ad una classe energetica elevata anche la recente sostituzione dei serramenti che concorre inoltre nella garanzia di un migliore isolamento acustico, particolare che deve essere tenuto in considerazione soprattutto nel caso in cui l’immobile sia situato in zone trafficate.

 

4. Impianti. In caso di acquisto di una casa già “vissuta” sarebbe meglio avere la certificazione degli attuali impianti e possibilmente il loro posizionamento. Nel caso questi documenti non siano disponibili è necessario tenere conto che, per essere a norma di Legge, essi dovranno essere rivisti e certificati e che tali lavori saranno a carico nostro, ed è un fattore importante di cui tener conto in fase di offerta per via della sua rilevanza sul budget di ristrutturazione.

5. Verifica delle murature portanti. Dalla planimetria, se corretta, potremo sapere quali siano i muri portanti e quali i tramezzi. Questa valutazione sarà molto utile nel caso in cui sia nostra intenzione rivedere la distribuzione interna dei locali in quanto dovremmo tenere conto che non sarà possibile toccare le murature portanti.

 

 

 

 

La consulenza di un professionista si rivela dunque fondamentale per essere certi da una parte di comprare un immobile che non presenta problemi “burocratici”, dall’altra per valutare la corretta formulazione dell’offerta in considerazione delle eventuali spese per impianti, murature e finiture che saranno a carico dell’acquirente.

Contattaci per un preventivo o una consulenza, sarà un piacere aiutarti a scegliere la soluzione migliore.